Agricoltura in Aree Protette
Chi è Federparchi?
Gli obiettivi del progetto
Le Attivita' Previste
La scheda del Progetto
L'iniziativa comunitaria Equal
Azione 3
Novità

Progetto Azione 3 - Obiettivi

Obiettivi generali ed esplicitazione della strategia complessiva di mainstreaming della PS

La strategia complessiva di questa proposta di programma di lavoro per l’Azione 3 è costruita e articolata in termini di continuità e integrazione con quanto attualmente in corso di realizzazione con l’attività di mainstreaming prevista nel programma di lavoro per l’Azione 2.

Le attività realizzate dalla PS “Aree protette” hanno evidenziato, soprattutto con le attività che sono state già ultimate, di ricerca e di formulazione di una metodologia formativa innovativa, le notevoli potenzialità che l’attività agricola (e le attività produttive collegate all’agricoltura) ha nelle aree sottoposte a vincolo. Sono anche emerse con chiarezza le molte difficoltà che caratterizzano il lavoro di quanti operano in aree protette; in particolare, è emersa la forza della resistenza al cambiamento e alla proficua collaborazione fra conservazione dell’ambiente e attività produttive che, vuoi per scarsa conoscenza dei vantaggi ottenibili, vuoi per la non diffusa attitudine a lavorare in modo cooperativo, vuoi infine per la difficoltà di mettere d’accordo una platea numerosa ed eterogenea di attori – chiave, limita ancora la portata dello sviluppo economico e sociale ottenibile per quanti vivono nelle aree protette. Con l’’Azione 3 si intende sviluppare una strategia con il seguente obiettivo generale: aggredire le difficoltà evidenziate, agendo attraverso la diffusione e il trasferimento di modelli e meccanismi di intervento finalizzati a favorire migliori condizioni di lavoro di quanti operano nelle aree protette, a sostenere lo sviluppo socio – economico di questi lavoratori incoraggiandone il permanere in attività e sviluppandone le competenze (di tipo sia codificato che tacito). La strategia generale prevede una serie di azioni tese alla diffusione della conoscenza relativa alle difficoltà legate all’attività agricola e alle attività correlate nelle aree protette e agli esiti delle sperimentazioni effettuate da “Aree protette” per fornire soluzioni operative e di policy e con azioni tese al trasferimento dei modelli di intervento sperimentati. Il programma di azioni proposto individua in un mix di attività diversificate per tipologia di pubblico obiettivo la chiave di volta per avere un impatto efficace su sistemi e interlocutori così diversificati (dagli agricoltori alle istituzioni del governo locale, dai responsabili dei parchi al pubblico dei visitatori, dalle scuole ai gestori degli agriturismi, dagli allevatori alle associazioni di rappresentanza). Impatto efficace significa anche favorire il trasferimento della metodologia formativa innovativa, strumento flessibile costruito con approccio individualizzato e modulare, idoneo ad essere utilizzato per sviluppare le competenze degli occupati in aree marginali e sottoposte a vincolo, ossia a persone prevalentemente di età avanzata, di sesso maschile, con basso tasso di scolarizzazione e non sempre propense all’innovazione. In tal modo, il programma proposto è in grado di contribuire in modo innovativo alle politiche formative del settore, fornendo strumenti e meccanismi già testati per sviluppare il capitale umano e l’apprendimento lungo l’arco della vita di quanti operano nelle aree protette. L’integrazione dei modelli è affidata alla qualità e omogeneità del partenariato di “Aree Protette” che sta operando in modo solidale e attivo per raggiungere gli obiettivi del programma di Azione 2.